Vespe

vespe

Le vespe possono essere solitarie o sociali. Quelle sociali vivono organizzate all’interno delle quali ognuno opera per uno specifico scopo: la Regina è addetta alla riproduzione, le operaie sono femmine sterili che operano per il buon funzionamento della colonia e i maschi che appaiono solo nel periodo fertile delle Regine.
 
Habitat
Le vespe vivono in natura e dove c’è una forte presenza umana: in città o in zone agricole. Qui possono facilmente trovare rifornimenti succulenti come succhi di frutta, bevande gassate, carne cruda o cotta e pesce. Ogni Regina fecondata costruisce con un impasto di saliva e legno un nido, più o meno complesso, per deporre le sue uova. A seconda delle specie, le vespe costruiscono i loro nidi su rami, rocce, nelle cavità di tronchi o alberi, su camini, sottotetti, verande serre o anche vetture e case abbandonate.
 
In presenza di vespe, dunque, è bene fare attenzione e non lasciarsi prendere dal panico, meglio restare calmi e allontanarsi lentamente. Ad attirare le vespe sono anche i profumi intesi e dolci di shampoo, lacca e gel oppure i colori vivaci di abiti e borse come, ad esempio, fantasie floreali.
 

Perché le vespe pungono?
La puntura non è altro che una forma di difesa della vespa utilizzata quando si sente in pericolo. A pungere, però, sono solo gli insetti di genere femminile, dotati di un aculeo in grado di secernere una sostanza velenosa e irritante in grado di scatenare anche delle pericolose forme allergiche. Se si sentono in pericolo le vespe emettono potenti feromoni per segnalare al resto della colonia il bisogno di aiuto. Attaccare una vespa significa quindi subire l’arrivo di un intero esercito.
 
Cos’è lo shock anafilattico?
In soggetti sensibili la puntura di una vespa può causare una grave reazione allergica anche letale dovuta ad un riconoscimento errato del pericolo da parte del sistema immunitario.

 

scopri come proteggerti

Top